Crea sito

Sentenza Mediatrade: Renzi salva Berlusconi

Mediatrade, Renzi salva Berlusconi

Mediatrade, Renzi salva BerlusconiNulla accade per caso e la sentenza Mediatrade ci permette di andare a rivedere in che modo Renzi e il suo Governo abbiano agito per il bene di Berlusconi e dei suoi fedelissimi. Le pene miti, con tanto di non menzione, comminate ieri a Berlusconi jr. e Confalonieri per lo scandalo Mediatrade avrebbero avuto ben altra consistenza se ad agosto il Governo Renzi non avesse fatto approvare un decreto legislativo che riforma le sanzioni penali per i reati fiscali. Ed eccoci qua: per Berlusconi jr. e Confalonieri la condanna non fa male.

Mediatrade, truffa allo Stato che lo Stato difende

La vicenda Mediatrade va avanti dal 2004: l’accusa sosteneva che Mediaset acquistasse i film non direttamente dalle case di produzione, ma da società, sempre di Berlusconi, il cui unico scopo era far lievitare il costo. Mediaset avrebbe dichiarato spese più alte, abbassando il reddito e quindi la tassazione in Italia e creando coi surplus fondi neri a disposizione di Berlusconi e i suoi per decine e decine di milioni. La sentenza in appello di ieri avrebbe potuto far male al figlio di Berlusconi e a Confalonieri, ma grazie alla manina di Renzi, la questione è diventata quasi indolore.

Sarebbe da chiedere a Enrico Zanetti, sottosegretario al Ministero dell’Economia, che ai tempi dell’approvazione della legge salva-Berlusconi voluta da Renzi la difese a spada tratta, cosa ne pensi oggi, alla luce della vicenda Mediatrade. Sarebbe da chiedersi fino a che punto possa spingersi la politica per difendere truffe e soprusi, come quello perpetuato da Poste Italiane, contro i cittadini e lo Stato.

About sapendo 15 Articles
Sapendo, decido

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.





*

Close