Crea sito

Dimissioni Guidi: Governo, non è finita qui

Caso Guidi, Governo co-responsabile

Caso Guidi, Governo co-responsabile“La ministra Guidi si è dimessa, evviva la ministra Guidi”. Pare questo il ritornello presentato dalla stampa ufficiale da ieri sera, quando l’ex-ministra Guidi ha rassegnato le dimissioni. Non ci allineiamo affatto e, anzi, rilanciamo richiamando il Governo intero, nonché alla maggioranza che quell’emendamento votò, alle proprie responsabilità che sono pesanti tanto quanto quelle dell’ex-ministra.

Caso Guidi: perché il Governo c’è dentro fino al collo

Della ex-ministra Guidi ci eravamo già occupati segnalando la sua reticenza a porre fine allo scandalo “PosteGate”. Figlia di un ex-vicepresidente di Confindustria, Guidalberto Guidi, occupò a sua volta la prestigiosa poltrona del padre. Fu Renzi in persona (prima responsabilità) a volerla ministro benché non parlamentare. Il decreto legge in cui fu inserito l’emendamento galeotto fu un decreto scritto dal Governo (seconda responsabilità), presentato dal Governo e sul quale il Governo chiese e ottenne il voto di fiducia. Delle due l’una: o abbiamo un Governo di incapaci, cui si può chiedere di inserire qualsiasi emendamento perché sia sottoposto a voto di fiducia, o abbiamo un Governo di collusi. In entrambi i casi, un Governo inadeguato.

Ma il caso vuole che quello specifico emendamento non sia sfuggito alle opposizioni e che il Movimento 5 Stelle, per bocca del senatore Cioffi, ne abbia descritto tutti i dettagli osceni contenuti, come possiamo rivedere nel video datato 18 dicembre 2014. La terza responsabilità che ascriviamo a questo Governo, amico dei petrolieri, è di non essersi soffermato sul potenziale danno alla collettività causato dall’emendamento nemmeno in presenza di indicazioni chiare da parte delle opposizioni.

In verità, l’impressione è che i vari comitati d’affari presenti nel Governo si supportino a vicenda per ottemperare ai desiderata dei lobbisti di riferimento: che siano banche, Confindustria, Coop rosse e bianche, Compagnia delle Opere, nessuno si guerra e tutti si proteggono a vicenda. Se anche fossimo eccessivamente severi in questo giudizio, di certo non sbagliamo nel richiamare il Governo a precise responsabilità nell’aver fatto passare, tra gli altri, anche l’emendamento Guidi con quel voto di fiducia.

About sapendo 15 Articles
Sapendo, decido

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.





*

Close